La GAMeC e l’Accademia Carrara tornano a lavorare insieme, rispondendo in modo corale alla richiesta dell’Assessorato all’Istruzione, Formazione, Università, Sport e Tempo libero, Politiche per i giovani di dare vita a un patto educativo che metta bambine e bambini al centro della progettualità della città per l’estate 2020.

I due musei propongono alle famiglie un calendario ricco di attività e di sperimentazioni in presenza, con tutte le garanzie di sicurezza necessarie, e accoglieranno le bambine e i bambini come sempre: con
metodo e divertimento.

Il titolo del campus è The Museum is present, e allude a una famosa performance dell’artista Marina Abramović. I due musei della città sono presenti: rispondono insieme, in nome della propria funzione educativa e sociale alla chiama del Comune di Bergamo e alle esigenze delle famiglie in questa fase di ripartenza.
Il museo torna a essere luogo vicino, di accoglienza, che opera per offrire ai più piccoli un contesto sereno per sperimentare, uno spazio per esprimersi dopo la fatica emotiva e relazionale del lockdown.

I laboratori si svolgeranno alla GAMeC, che ha messo a disposizione le proprie sale per la realizzazione del progetto. Gli spazi museali, costantemente sanificati e areati, torneranno così a essere un
luogo vivo e dinamico, in cui ciascun gruppo potrà “fare” e creare in totale sicurezza.
Si lavorerà in piccoli gruppi di sette partecipanti, con materiali scelti con cura, con idee progettate per consentire una maggiore messa in gioco di ciascun bambino e la massima tutela della salute.

Gli educatori museali lavoreranno con la competenza di sempre proponendo attività nuove capaci di stimolare l’inventiva di ciascuno, di fare dell’arte uno strumento di crescita e di relazione con gli altri,
di valorizzare la molteplicità dei punti di vista
e gli scambi che negli ultimi mesi non sono stati possibili. Tra le varie proposte, ogni settimana è prevista una passeggiata al parco o in Città per allenare lo sguardo, scoprire il mondo che ci circonda e lasciar galoppare la fantasia. Un palinsesto ricchissimo ispirato dalle opere e dagli artisti antichi e moderni, in cui la manualità, il gioco e le abilità di ognuno si esprimeranno senza ansie.

Anche quest’anno sarà possibile pranzare con noi, senza costi aggiuntivi. Dalle 13:00 alle 14:00 mettiamo a disposizione degli iscritti lo spazio e l’assistenza per consumare il proprio pranzo portato da casa.

Si tratta, per la GAMeC e l’Accademia Carrara, di un notevole sforzo in un momento critico per il settore culturale: nessuna delle due istituzioni avrà un guadagno da questa iniziativa.
Le quote d’iscrizione, che andranno a coprire i costi di gestione degli spazi, risorse e personale, beneficiano di un ulteriore contributo da parte del Comune di Bergamo per nuclei familiari residenti in città con
ISEE in corso di validità non superiore a 25.000 euro e che non abbiano già usufruito del Bonus Baby Sitter.
I bambini residenti fuori dal Comune di Bergamo sono invitati a partecipare, e potranno utilizzare il Bonus Centri Estivi dello Stato. in gioco di ciascun bambino, e la massima tutela della salute.

______________________________________________

LASCIATI ISPIRARE DAI TEMI DEL MATTINO

Qualche anticipazione? Attraverseremo PAESAGGI orizzontali, perché ogni sala del museo è una strada, ogni opera è un luogo, ogni materiale è uno zaino e ogni viaggio porta a scrivere un diario. Immagineremo di muoverci sulle MAPPE del mondo, ma anche sui file della STORIA e dei mondi del passato, andando alla scoperta di epoche e di abitudini pazzesche e affascinanti. Modificheremo le opere ANTICHE con le tecniche CONTEMPORANEE.  Esploreremo il peso delle opere d’arte e ne creeremo con materiali soffici e leggeri.

E poi ancora…Sapete quanto è alto un Pixie? Quante corna possiede un Graphorn? Sulla terra esistono tantissimi ANIMALI FANTASTICI,e molti nascono dalle opere d’arte,  quindi ci precipiteremo alla scoperta di queste creature. Ma la MAGIA abita tanti luoghi, e con il nostro SESTO SENSO impareremo come si costruisce un talismano, e come si raffigurano le EMOZIONI.

Che ne dite poi di nuove tecniche? Inchiostro, gomma strana, CHINA e colori, così come l’ACQUARELLO, saranno il nostro lasciapassare per un mondo magico. Anche la NATURA si rivelerà essere un inedito materiale: si possono creare facce di foglie,serpenti di argilla, nuvole di cotone, o imparare cosa sono le piante tintorie, produrre stampe alla CLOROFILLA, sperimentare il mimetismo.  I COLORI ovviamente non possono mancare: li creeremo come pozioni, vedremo nascere mille sfumature e invaderemo il museo rendendolo diverso.

Ci sarà la possibilità di mettersi alla prova con l’INGLESE, e dare nomi nuovi alle emozioni, al corpo, alla natura e ai nostri pensieri. Non mancherà la creazione di MODELLINI, utili per esplorare lo spazio vicino a noi, quello abitato dal museo: ci sono parchi, piazze e graffiti da cui prendere spunto per inventare uno spazio tutto per noi. Geometria, astrazione e TRIDIMENSIONALITÀ’ non mancheranno: l’argilla sarà il materiale privilegiato per imparare a realizzare una scultura, ma anche la cartapesta e il colore saranno al centro delle nostre attività, per dare vita a marionette e burattini, o a realtà 3D.

Infine, tra SCRITTURA automatica e specchi deformanti, scriveremo mille storie, che potranno prendere forma, se parlano di noi, in un DIARIO con schizzi, appunti, oggetti e ricordi.

.

LASCIATI ISPIRARE DAI TEMI DEL POMERIGGIO

Ogni giorno ci sarà un’attività differente, un vero viaggio nel tempo per sfrecciare dal Quattrocento al Novecento, una passeggiata incredibilmente divertente nella storia dell’arte!

Lunedì IDENTICHI? Ogni giorno alla scoperta di due artisti, uno legato all’Accademia Carrara e uno alla GAMeC: come detective scoveremo somiglianze, differenze, attraversando secoli e città sempre diversi per ricomporre tutto in un lavoro personalissimo!

Martedì ACTIVITY ROOM. Un laboratorio di sperimentazione di tecniche, materiali, attività inedite, capaci di stupire e di tessere dei fili tra l’arte e le più diverse pratiche di tutti i tempi. Cose mai viste tra scienza, arte, tecnologia e capacità inventiva. Sapremo sorprenderti?

Mercoledì SPAZIO ALL’ARTE. Altezza, larghezza, profondità, luce e ombra, ma anche tempo, movimento, passi, battito di ciglia Quanti sono i modi con cui misuriamo lo spazio? E quelli con cui gli artisti, nei secoli, l’hanno rappresentato? Proviamo a dire la nostra!

Giovedì CASTELLI IN ARIA. Fare castelli in aria vuol dire immaginare e sognare, spalancare i cancelli della fantasia e immergerci in un viaggio nel tempo, tra il medioevo e il futuro. Lo faremo con tutta la libertà possibile mescolando parole, oggetti, opere d’arte e invenzioni.

Venerdì MUSEO INDOVINO. Ma è vero che a prima vista si capisce tutto? O forse l’arte del passato e quella presente nascondono rebus e indovinelli da risolvere? Un pomeriggio per mettersi alla prova attraverso trucchi, inganni, sorprese e sfide tra squadre: chi avrà la fantasia più sfrenata?